Di più

Confronto tra auto elettriche, a benzina o diesel: ecco le differenze

21. Febbraio 2023

Momento della lettura: minuti

Confronto tra auto elettriche, a benzina o diesel: ecco le differenze

Fiona Bösiger

Fiona Bösiger

Condividi questo articolo
Facebook
Twitter

Alimentata elettricamente, silenziosa e soprattutto ecologica. Questi interessanti argomenti convincono sempre più automobilisti a convertirsi alla mobilità elettrica. Sta pensando anche Lei di passare a un’auto elettrica? Apprenda gli elementi più importanti nel nostro confronto tra auto elettriche, a benzina e diesel.

Le auto elettriche sono alla moda. Soprattutto nel corso degli ultimi anni, l’interesse verso le auto elettriche è cresciuto enormemente. Tuttavia, altrettanto grande quanto l’interesse è anche lo scetticismo verso i moderni veicoli elettrici. Prima di passare a un’auto elettrica ci si dovrebbe porre qualche domanda: dal punto di vista finanziario, vale la pena avere un’auto elettrica rispetto a un’auto con motore a combustione? A quanto ammontano i costi per l’elettricità rispetto al carburante? E come si differenziano i sistemi di propulsione dal punto di vista del rispetto dell’ambiente? Abbiamo riepilogato per Lei tutte le differenze importanti tra auto elettriche e le auto con motore a combustione al fine di facilitarle la decisione sul veicolo adatto.

Confronto dei costi: prezzo d'acquisto di un'auto elettrica rispetto a un'auto a benzina

Sebbene oramai le auto elettriche possano essere acquistate a prezzi più convenienti rispetto anche a solo un paio di anni fa, i prezzi di acquisto rispetto alle auto a benzina o diesel sono tipicamente più elevati. Il motivo del prezzo più elevato è dato dalla batteria ricaricabile integrata nel veicolo elettrico. Ad esempio, la Skoda ENYAQ iV completamente elettrica costa dai 4.000 ai 5.000 franchi in più rispetto al modello comparabile a combustione Skoda KODIAQ. Nel caso della Fiat 500 la differenza è ancora più marcata: il costo della nuova Fiat 500 completamente elettrica è quasi il doppio di quello che in precedenza si doveva sborsare per la versione a benzina (che tuttavia non viene più prodotta). Anche il modello ibrido è significativamente più economico rispetto alla variante elettrica.

ModelloMotorePotenzaPrezzo (in franchi)
Skoda EnyiaQ iV
Skoda EnyiaQ iV60Motore elettrico132 kW/ 180 PS52.490
Skoda EnyiaQ iV80Motore elettrico150 kW/ 204 PS56.990
Skoda EnyiaQ iV80xMotore elettrico195 kW/ 265 PS56.640
Skoda KodiaQ
Skoda KodiaQ AmbitionMotore a combustione interna110 kW/ 150 PS48.550
Skoda KodiaQ StyleMotore a combustione interna140 kW/ 190 PS51.160
Skoda KodiaQ StyleMotore a combustione interna147 kW/ 200 PS54.480
Fiat 500e
Fiat 500 ActionMotore elettrico70 kW/ 95 PS28.690
Fiat 500 IconMotore elettrico87 kW/ 118 PS34.690
Fiat 500 RedMotore elettrico87 kW/ 118 PS35.590
Fiat 500 Hybrid
Fiat 500 CultMotore ibrido51 kW/ 70 PS19.690
Fiat 500 DolcevitaMotore ibrido51 kW/ 70 PS23.090
Fiat 500 RedMotore ibrido51 kW/ 70 PS23.590
Fiat 500 Swiss EditionMotore ibrido51 kW/ 70 PS25.490

La differenza di prezzo tra auto elettrica e auto a combustione si riduce tuttavia anno dopo anno e gli esperti prevedono che entro pochi anni i prezzi si equivarranno.
Nel calcolo dei costi di acquisto di un’auto elettrica occorre inoltre prestare attenzione agli incentivi su base nazionale, cantonale e regionale. Determinati cantoni o comuni finanziano infatti l’acquisto di auto elettriche energeticamente efficienti. Anche l’imposta sui veicoli pari al 4 % del valore del veicolo decade in caso di un’auto alimentata a batteria. Pertanto, determinate auto elettriche possono essere già più convenienti rispetto ai loro modelli a combustione equivalenti. Occorre tuttavia considerare che alcuni concessionari concedono sconti maggiori sui prezzi di listino delle auto a combustione rispetto a quelli di auto simili nella versione elettrica. Le suggeriamo pertanto di chiarire di volta in volta singolarmente le differenze di prezzo del modello desiderato in base alle diverse modalità di propulsione.

Costi di manutenzione: confronto tra auto elettrica e a benzina

Gli elevati costi iniziali scoraggiano molti interessati a optare per un’auto elettrica. Si dimentica tuttavia molto facilmente che, per quanto concerne i costi di manutenzione, con un’auto elettrica si può risparmiare molto rispetto a un’auto a combustione. L’elettricità è significativamente più economica rispetto alla benzina e al diesel. I costi per i consumi sono dunque minori e il prezzo a chilometro è inferiore.
Anche i costi di manutenzione sono inferiori rispetto a quelli di un’auto a combustione, dato che un’auto elettrica ha un numero inferiore di parti soggette a usura che devono essere sostituite. Tuttavia, i freni e soprattutto gli pneumatici devono essere rinnovati regolarmente. A causa della coppia elevata durante la guida, gli pneumatici di un’auto elettrica sono sottoposti a una maggiore sollecitazione rispetto alle auto a combustione e, di conseguenza, vanno sostituiti con una maggiore frequenza. Il nostro consiglio: per aumentare la durata dei Suoi pneumatici, opti per una partenza moderata con la Sua auto elettrica.

È in particolare la batteria di un’auto elettrica che può causare costi elevati. Siccome i prezzi per le batterie delle auto elettriche scendono costantemente, al momento dell’acquisto di una nuova auto si può prevedere che in futuro il cambio della batteria risulterà più economico. Nella nostra panoramica scoprirà tutto quello che vale la pena sapere in merito ai costi di manutenzione di un’auto elettrica.

Noleggiare o acquistare la batteria: cos'è più ragionevole?

La batteria ricaricabile è il fattore di costo rilevante nell’acquisto di un’auto elettrica. Rappresenta infatti circa un terzo del prezzo del veicolo. In passato, molti produttori davano la possibilità di acquistare o di noleggiare la batteria. Quest’ultima soluzione riduce significativamente i costi per l’acquisto del veicolo. Inoltre, in questo modo verrebbero ridotte le preoccupazioni dei clienti in merito alla durata della batteria di un’auto elettrica. Nel frattempo, questa preoccupazione è stata ritenuta infondata, dato che le batterie delle auto elettriche hanno una lunga durata e sono molto efficienti. Oramai, il numero di produttori che offre il noleggio è dunque diminuito. A questo si aggiunge che, nel lungo termine, il noleggio della batteria è più costoso dell’acquisto.

Se opta comunque per il noleggio, Le suggeriamo di comparare i diversi modelli di noleggio del produttore e di considerare anche fattori come ad esempio la frequenza dell’utilizzo della Sua auto elettrica o le possibilità di ricarica. Ulteriori suggerimenti sull’acquisto di un veicolo elettrico sono disponibili qui.

Costi di ricarica rispetto a costi di rifornimento

Al momento, recarsi alla pompa di benzina significa sborsare molti soldi. Al fine di ovviare ai crescenti costi della benzina e del diesel può valere la pena passare all’elettricità. Se ai prezzi attuali di oltre 2 franchi al litro (situazione: gennaio 2023) fare il pieno costa un patrimonio, una piccola auto elettrica consuma tipicamente 15-17 kilowatt all’ora. Convertendo il dato, il risultato è di circa 4 franchi ogni 100 chilometri. Nel paragone con i costi di benzina e diesel, l’auto elettrica ha dunque prestazioni migliori.

Di norma vale quanto segue: quanti più chilometri si percorrono in un anno, tanto maggiore è il potenziale di risparmio di un’auto elettrica. C’è inoltre la possibilità di produrre elettricità in modo gratuito tramite un proprio impianto solare domestico. Grandi dettaglianti come Lidl o Ikea, nell’ambito della loro strategia di sostenibilità, offrono stazioni di ricarica gratuite per le auto elettriche. E sempre più datori di lavoro garantiscono adeguate possibilità di ricarica, il che rende le auto elettriche una soluzione interessante per il tragitto verso il lavoro.

Ecco come si differenzia l'autonomia delle auto elettriche da quelle diesel e a benzina

Con un pieno di benzina i veicoli con motore a combustione, soprattutto diesel, raggiungono un’autonomia di oltre 1.000 chilometri. I veicoli elettrici sono ancora distanti da questi livelli. L’autonomia limitata rappresenta un potenziale grattacapo per i potenziali acquirenti. Mentre le utilitarie a combustione raggiungono in media un’autonomia di 550 chilometri, l’utilitaria Renault Zoe, nella pratica, raggiunge un’autonomia di circa 330 chilometri, mentre la paragonabile Kia Niro raggiunge i 460 chilometri.

Tuttavia, per alcuni interessati, l’autonomia limitata non è la sola scomodità. Fare il pieno nel modo tradizionale è più rapido che caricare un’auto elettrica. Quindi, oltre al tempo di viaggio occorre considerare anche il tempo di ricarica. Un ulteriore problema è dato dall’infrastruttura di ricarica. Sebbene la rete di stazioni di ricarica venga costantemente ampliata, al momento le stazioni di ricarica non sono numerose quanto le stazioni di servizio. Nel caso di un lungo viaggio con un’auto elettrica occorre considerare questo aspetto in modo da inserire adeguate soste per la ricarica.

Qual è l'impatto ambientale delle auto elettriche?

Il tema più citato nel dibattito relativo alle auto elettriche è senza dubbio il rispetto per l’ambiente. Ma le auto elettriche sono davvero così rispettose dell’ambiente come promettono?

Secondo USTRA, l’Ufficio federale delle strade, circa il 72 % delle emissioni di CO₂ generate nel settore dei trasporti, sono riconducibili alla circolazione delle persone. Detto altrimenti: un’auto a benzina produce circa 2.370 grammi di CO₂ al litro e un motore diesel circa 2.650 grammi di CO₂ al litro. Se un’auto consuma ad esempio 5 litri di benzina ogni 100 chilometri, la produzione di CO₂ è pari a circa 11.850 grammi. La quantità di CO₂ generata durante la produzione e lo smaltimento del veicolo non è considerata.

Le emissioni di CO₂ che vengono generate dalle auto elettriche, in paragone sono molto inferiori, come conferma uno studio dell’Università militare federale di Monaco di Baviera. Utilizzando l’elettricità verde, i veicoli plug-in-hybrid e quelli completamente elettrici riducono le emissioni complessive durante il ciclo di vita fino al 73 % e all’89 % rispettivamente. Inoltre, il mix energetico ecologico in Svizzera contribuisce in modo particolare alla sostenibilità delle auto elettriche durante la fase operativa.

Uno svantaggio dei veicoli alimentati a elettricità: la produzione delle batterie per auto richiede un notevole dispendio energetico e il successivo smaltimento rappresenta una minaccia per l’ambiente. Grazie alle moderne tecnologie di riciclaggio, può essere recuperato più del 90 % dei materiali delle batterie, tuttavia in molte località mancano tuttora i necessari processi standardizzati. Si può comunque affermare che le auto elettriche, durante l’intero ciclo vitale rappresentano un’alternativa ecologica alle auto a combustione e un passo utile verso mezzi di trasporto sostenibili.

Sensazioni e piacere di guida: ecco le differenze tra auto elettriche e auto normali

Prima di optare per un’auto elettrica, Le suggeriamo di scoprire durante un drive-test se questo tipo di guida è di Suo gradimento. Infatti, la sensazione di guida di un’auto elettrica si distingue in modo considerevole da quella di un’auto a combustione. Non c’è il cambio manuale, per cui manca qualsiasi rumore di funzionamento. Questo rappresenta sicuramente un vantaggio per l’ambiente, ma può anche portare a errate considerazioni della situazione da parte del guidatore e degli altri soggetti coinvolti nel traffico. Ad esempio, i pedoni o i ciclisti, hanno una minore percezione di un’auto elettrica e questo può causare reazioni errate.

Anche l’accelerazione spesso viene sottovalutata. Un motore elettrico esprime sempre la coppia massima e accelera dunque velocemente. In caso di velocità elevate, il motore elettrico semplificato è invece svantaggiato. Infatti, avendo una sola marcia, la velocità massima di un’auto elettrica è più bassa di quella di un veicolo a benzina. Nella misura in cui è consapevole di questi aspetti, con un’auto elettrica beneficia di una piacevole sensazione di guida senza interruzioni dovute al cambio.

Il bilancio del confronto tra auto elettriche e a benzina

Dal punto di vista dei costi, nel caso delle utilitarie le auto elettriche e quelle a diesel si distinguono solo marginalmente. Soltanto le auto a benzina sono più convenienti del 17 %. Se si confrontano nel loro complesso auto elettriche e quelle a combustione, è chiaro che le auto elettriche di principio non sono più costose. Soprattutto se si considerano i costi della manutenzione continua e i costi del carburante. I vantaggi e gli svantaggi sono quindi bilanciati.

Per tutti coloro che vogliono spostarsi in modo ecologico, che dispongono di una buona infrastruttura di ricarica e privilegiano una tecnologia raffinata rispetto a motori ruggenti, un’auto elettrica può essere una perfetta alternativa. Anche per coloro che desiderano avvicinarsi lentamente a un veicolo elettrico c’è una soluzione: l’ibrido è la combinazione ideale tra fidato motore a combustione e una moderna auto elettrica.

La decisione sull’auto adatta non è semplice. Si prenda dunque tempo sufficiente e valuti l’opzione migliore per le Sue esigenze personali.

Fiona Bösiger

Fiona Bösiger

Condividi questo articolo
Share on Facebook
Tweet on Twitter
Contenuto di questo articolo

Articoli Correlati

Tabella dei contenuti