Di più

Risparmiare senza arrabbiarsi: consigli utili per l’acquisto di un’auto usata

14. Ottobre 2022

Momento della lettura: minuti

Risparmiare senza arrabbiarsi: consigli utili per l’acquisto di un’auto usata

Patrick Züst

Patrick Züst

Condividi questo articolo
Facebook
Twitter

Le auto d’occasione costano meno delle auto nuove. Ma questo tipo di acquisto è collegato a rischi. Ecco i consigli da seguire per evitare che l’auto acquistata si trasformi in pozzo di spese senza fondo.

Quali sono le cose importanti quando si desidera acquistare un veicolo? Ecco tutti i nostri consigli utili affinché non vi dimentichiate niente.

Cosa conta quando si va a vedere l’auto

Iniziamo con la regola più importante in assoluto: non offrite mai nulla per un’auto che non avete visto di persona! Prima di stipulare un contratto d’acquisto dovete assolutamente avere visto la macchina. Meglio ancora: andate all’appuntamento assieme ad una persona di fiducia. Quattro occhi vedono meglio di due.

E guardate bene! Infatti non è solo una questione di confort ma anche di sicurezza: un’auto difettata fa presto a causare situazioni critiche nel traffico. Il prezzo di un’auto usata, inoltre, aumenta molto in fretta se poco dopo la firma del contratto sono necessarie riparazioni aggiuntive.

Durante la visita controllate attentamente quanto segue:

  • L’abitacolo del veicolo è pulito e asciutto? Un odore muffoso può anche essere indice di danni alla carrozzeria. In questi casi, assicuratevi che non ci siano tracce di ruggine.
  • E come si presenta l’auto da fuori? Oltre a indesiderate tracce di ruggine, anche ammaccature o graffi sono un segno del fatto che si tratta di un’auto incidentata.
  • Di solito, le auto incidentate presentano anche dei “rattoppi” della verniciatura. Vedete aree opache o differenze o residui di colore? Prestate attenzione anche a eventuali strati disomogenei di materiale di fissaggio in corrispondenza di portiere o portelloni. Il nostro consiglio da professionisti: usate una calamita per controllare se è stato usato materiale di fissaggio. Infatti, i punti trattati non attirano la calamita a differenza del resto della carrozzeria.
  • Il vano motore non deve essere unto d’olio, la batteria deve avere al massimo tre anni e cavi e tubi flessibili devono essere intatti. Potete anche stendervi sotto la macchina per verificare se il sottoscocca presenta macchie.
  • Pneumatici: controllate che tutti gli pneumatici siano dello stesso produttore. Controllate anche età e profili dei battistrada. Gli pneumatici non dovrebbero avere più di 4 anni e il battistrada avere una profondità di almeno 4 millimetri. Anzi, fate di meglio: misurate voi stessi.
  • Poi guardate bene le serrature delle portiere, le guarnizioni e tutti gli specchietti.
  • Alla fine accertatevi che il volante abbia un lasco di massimo 2 cm e attivate fari e indicatori di direzione. Insomma: schiacciate ogni pulsante!
  • E fate assolutamente una guida di prova di almeno 30 minuti. Se possibile, usando l’auto d’occasione sia nel centro abitato che fuori e nella migliore delle ipotesi anche in autostrada. Solo così potrete essere sicuri che tutto funzioni come si deve e che la macchina è quella giusta per voi.

Su AutoScout24 trovate una completa lista di controllo per la verifica del veicolo e la guida di prova. Così siete sicuri di non dimenticare nulla di importante.

Il controllo dei veicoli a motore è una caratteristica di qualità?

Non basta un’analisi al microscopio del solo veicolo, anche i relativi documenti vanno controllati con attenzione. Innanzitutto bisogna verificare nella licenza di circolazione quanto tempo sia trascorso dall’ultimo controllo dei veicoli a motore (CVM). In Svizzera, infatti, sottoporre periodicamente la propria auto ad un controllo è obbligatorio. Se dall’ultimo controllo non è passato troppo tempo e l’auto viene venduta “da CVM” andate sul sicuro. In caso contrario correte un rischio supplementare. Un’altra raccomandazione frequente è questa: non comprate nessuna auto d’occasione il cui ultimo controllo dei veicoli a motore risale a oltre 8 mesi fa.

Non dimenticate la verifica dei documenti

Paragonate il numero di tipo del veicolo con il numero riportato nella licenza di circolazione. il numero di tipo del veicolo con il numero riportato nella licenza di circolazione. Questi due numeri devono coincidere: se non lo fanno c’è qualcosa di sporco! Controllate anche nel libretto dei tagliandi se l’utente ha effettuato scrupolosamente la manutenzione prevista e se le prestazioni effettuate corrispondono al chilometraggio dichiarato.


A proposito di chilometraggio: se il veicolo ha fatto più di 150.000 chilometri vuol dire che ha già raggiunto il limite massimo. Ma non decidete mai solo sulla base del chilometraggio. Calcolate quanti chilometri in media ha percorso l’auto all’anno. Se questo numero è molto basso, significa che l’auto non è stata usata per un periodo prolungato o solo per tragitti brevi. E questo sarebbe un cattivo segno: chi si ferma fa la ruggine.

Comprare un’auto usata o prenderla in leasing? Cosa c’è da sapere

Prendere in leasing un’auto usata può sembrare un’opzione allettante. Ma attenzione: chi prende un’auto in leasing deve stipulare obbligatoriamente un’assicurazione casco totale. Il premio da pagare vale la pena solo nel caso di un’auto nuova. Inoltre, con un contratto di leasing tutte le spese di manutenzione e riparazione sono a carico vostro. Visto che queste spese tendono ad essere più alte per le auto usate, può capitare che stipulando un leasing si faccia un cattivo affare.

Come funziona la garanzia per le auto d’occasione

Potete acquistare la vostra nuova auto usata presso un rivenditore oppure da un privato. Spesso i privati fanno offerte più vantaggiose, per contro i rivenditori hanno una scelta di auto usate più vasta.


Una differenza importante esiste per la garanzia occasione: infatti, a differenza dei privati i rivenditori offrono una garanzia di due anni per eventuali difetti. Ciò è previsto dalle norme del diritto svizzero. Ma attenzione: spesso i rivenditori la accorciano o addirittura la escludono del tutto! Concordate con il venditore se riceverete una garanzia completa o parziale e, in questo caso, per quanto tempo. Una garanzia di alcuni mesi è comunque raccomandabile.


I privati sono tenuti a informarvi su danni da incidenti e difetti pregressi. Nella vendita da privato a privato non è obbligatorio offrire una garanzia per danni materiali. Ma nonostante ciò alcuni venditori talvolta decidono lo stesso di offrirla. Questo è possibile grazie a compagnie di assicurazione come Quality1. Comunque sia: se la vostra auto d’occasione ha dei problemi, ditelo subito al venditore. Non fate nessuna riparazione a vostre spese prima di avere chiarito bene la garanzia.

Tutelatevi e stipulate un contratto di compravendita

Una volta chiariti tutti i dettagli si può finalizzare l’acquisto. Esigete sempre un contratto scritto! E nel contratto fissate la scadenza e il volume della garanzia. Chiarite anche quali sono le caratteristiche della vostra auto usata che il venditore garantisce anche in caso di esclusione della garanzia, come per esempio il chilometraggio o l’assenza di sinistri pregressi. Usando il contratto di compravendita di AutoScout24 sarete sempre al sicuro. Non appena il documento sarà firmato potrete preoccuparvi della consegna del veicolo.


Sulla nostra piattaforma potete impostare comodamente i filtri di ricerca che preferite, per esempio per auto senza incidenti, direttamente “da CVM” o coperte da una garanzia. Così troverete senz’altro l’auto che fa al caso vostro.

Patrick Züst

Patrick Züst

Condividi questo articolo
Share on Facebook
Tweet on Twitter
Contenuto di questo articolo

Articoli Correlati

Tabella dei contenuti