Di più

Porsche Taycan 4S – E-Sports

2. Novembre 2022

Momento della lettura: minuti

Porsche Taycan 4S – E-Sports

Michael Lusk

Michael Lusk

Condividi questo articolo
Facebook
Twitter

Con la Taycan anche Porsche entra nell’era dell’elettrico. Tuttavia, questa berlina a quattro porte è più sportiva che elettrica.

La Porsche Taycan 4S in cifre:

  • Motore: motore sincrono con magneti permanenti, 79,2 KWh con 530 CV/640 Nm
  • Trazione: integrale
  • Cambio: automatico a 2 marce
  • Prestazioni: da 0 a 100 km/h in 4,0 s, velocità massima 250 km/h
  • Dimensioni: 4.963 × 1.966 × 1.379 mm, peso 2.215 kg, bagagliaio 81 litri (anteriore), 407 litri (posteriore)
  • Consumi/autonomia: fabbrica 24,6 kWh/100 km (333-407 km autonomia)
  • Prezzo della vettura di prova: 169.260 franchi
  • Prezzo di base: a partire da 135.700 franchi
  • Concorrenti: Tesla Model S, Mercedes-Benz EQC, Audi E-Tron
  • Ultimo aggiornamento: 07.10.2020

A chi piace la Porsche Taycan

La Porsche Taycan è l’auto giusta per tutti coloro che desiderano un’auto esclusivamente elettrica ma che desiderano guidare in modo sportivo anche su tratti curvi e non solo dritti.

Emozioni anziché emissioni

Nella maggior parte delle auto elettriche l’ambiente e i costi sono in primo piano. Devono viaggiare localmente senza emissioni e allo stesso tempo generare meno costi per chilometro. Con Porsche è diverso: anche la Taycan può farlo ma nel profondo questa è una berlina sportiva, solo che è elettrica anziché classica con benzina. A garantire la spinta propulsiva ci pensano due motori sincroni con magneti permanenti. E lo fanno in modo superbo: già il modello base della Taycan ha 530 CV, sufficiente per passare in 4,0 secondi da una velocità da 0 a 100. La velocità massima è di 250 km/h.

Silenzioso bolide delle curve

Che le auto elettriche siano veloci al semaforo è risaputo. Ma la Taycan si sente a proprio agio anche e soprattutto nelle curve. Il suo peso a vuoto di 2,2 tonnellate non si avverte. Il baricentro, anche a causa delle batterie integrate nel sottoscocca, è molto basso e, grazie allo sterzo posteriore si ha una sensazione decisamente compatta anche nelle curve. Una novità per le auto elettriche sono le due marce automatiche. Questo permette ad esempio alla Taycan di riuscire ancora ad accelerare con potenza in autostrada oltre i 100 km/h. I freni sono molto stabili, anche se rimane comunque un’auto dal peso di 2,2 tonnellate.

Look slanciato

Già da ferma la Taycan è chiaramente riconoscibile come una Porsche, sebbene si distingua piuttosto chiaramente dalla Elfer o dalla Panamera. A una prima occhiata non si comprendono le sue dimensioni e inoltre con un valore di cW di 0,22 è molto aerodinamica. Anche gli interni della Taycan sono tipicamente Porsche. Il cruscotto è completamente digitale, presenta inoltre la tipica rotella sul volante con la quale si possono scegliere diverse modalità di guida. Un ulteriore vantaggio: siccome le batterie si trovano nel sottoscocca, la Taycan ha due portabagagli per un volume di carico totale di quasi 500 litri.

Suono straordinario

Nella modalità “Sport Plus” la Taycan non si limita a reagire in modo più diretto agli ordini dell’acceleratore e ad accovacciarsi ancora di più sull’asfalto. L’auto elettrica mette da parte la sua riservatezza acustica e produce un suono futuristico, che ricorda un po’ Darth Vader o Star Wars. In ogni caso provoca sicuramente un sorriso sul volto del guidatore. Sicuramente l’acquisto della Porsche Taycan 4S non è economico. Sono necessari almeno 135.700 franchi che, nel nostro caso con alcuni optional salgono addirittura a 169.260 franchi.

Cosa ci piace meno

Il top in pianura e in salita, ma l’elevato peso a vuoto non si riesce a nascondere del tutto in discesa e durante la frenata. Inoltre, già con alcuni optional la nostra auto di prova è molto costosa.

Cosa ci piace di più

La Taycan è e rimane una Porsche e offre ancora più divertimento rispetto alla sorella Panamera. Ha un aspetto fresco e slanciato ed è ancora più efficiente ed ecologica in viaggio.

Michael Lusk

Michael Lusk

Condividi questo articolo
Share on Facebook
Tweet on Twitter
Contenuto di questo articolo

Articoli Correlati

Tabella dei contenuti